Stalkers

Il Bar Doria

Sono in ritardo di un’ora, mi avvicino al bancone e subito Maurizio mi offre un Bombafragola versione “soft”, perché devo guidare. Poco più in là c’è Bruno anzi Nereo, proprietario del Doria dal 1972. Mi si avvicina e cominciamo a parlare tutti, Maurizio, suo padre, sua madre, l’amico e io.

Papagayo

Il Papagayo è una mia vecchia gloria, un amorazzo di gioventù interrotto e ritrovato solo pochi mesi fa. Siccome in fondo sono una vecchia ciabatta dal cuore di panna, rimembro ancora i giorni in cui, giuovane et universitaria, mi vi recai con Dilli, Gionnie, Lalla e Pier per festeggiare il compleanno di qualcuno. Correva l’aprile

Il Bar Picchio

Lo confesso: anch’io, come 2472394549154 hipster milanesi, specie se sedicenti musicisti, ho un debole per il Picchio. A mia discolpa dico che lo conoscevo da prima che diventasse praticamente il circolo degli artisti – o dei diseredati – di Porta Venezia, ma so anche che dicono tutti così. Qualche anno fa ti fermavi a bere

Il Barbruto

Due anni fa stavo cercando un posto dove fare la mia festa dei Trenta e sono capitata qui una sera in cui mi annoiavo a morte e avevo cercato su un’app di eventi cosa fare in città. C’era scritto: “Concerto live dei RAO al Barbruto“. Sarà stato per la squadratura (sala quadrata, ariosa e compatta),