Caricamento Eventi

Quattro verny in una sera per tutti i gusti

Quattro tappe in una sera? Difficile, ma almeno due-tre di queste a scelta sono fattibilissime. Mo’ vi butto giù un percorso hop on-hop off a portata di piedi, bici e mezzi in tutto comfort. Non garantisco sulla qualità/senso delle mostre, anzi probabilmente non ci capiremo niente, ma i verny son così: si conosce gente, si visitano interni bellissimi e se si è fortunati si beve pure un calicetto. Qui sotto la lista.

1

Galleria Vavassori: Jared Madere

Opening di Jared Madere, artista pop californiano che fa musica, installazioni e performance tra onirico, avanguardia e psichedelia. Assurdo, invito a vedere il sito. Non sono mai stata in questa galleria né ne conosco la storia, ma è in centro, in via Giulini 5, tra Cadorna e Cordusio. Verny dalle 19.00 alle 21.00.

2

Istituto Svizzero: Marc Bauer

Lo studio della comunicazione su Twitter di Salvini come pretesto per una riflessione più ampia sui toni e le forme della comunicazione politica ai tempi dei social. Disegni – tra cui gatti ispirati a “Gattini con Salvini” e pesci in riferimento alle sardine – un’installazione sonora e un grande murale site-specific compongono l’ultima mostra dell’artista Marc Bauer all’Istituto Svizzero in piazza Cavour, tra Moscova, Turati e Palestro. Orario verny: 18.30-20.00.

3

Corraini 121: Lucas Zanotto

Le sculture cinetiche di Lucas Zanotto, designer e founder di Yatatoy (bellissima società di sviluppo app per bambini), approdano alla Libreria Ex Temporanea 121 di Corraini con un’installazione site specific dai grandi occhi in movimento. Da Corraini si fanno sempre begli incontri ed è uno dei miei posti preferiti di Milano, ma ve l’ho già detto 14142943275 volte. Orario verny: 19.00-21.00, via Savona.

4

Spazio Maiocchi: Aesthesis

Questo è quello che mi fa più paura, perché ormai Spazio Maiocchi è preso di mira da hipster menosissimi e gente “giusta” che lavora nel mondo della moda, aka è sempre pieno, con buttafuori e in generale un clima poco easy. Anche perché la performance live di Shapednoise con video di Pedro Maia, foto di Leonardo Scotti e il dj set in apertura di Heith è a cura di Threes, gli stessi di Terraforma e del concerto di Arvo. Opening dalle 18.00 alle 21.00 con registrazione obbligatoria qui. Zona: Porta Venezia.