Residenze Insensate #2: aperitivo e doccia con l’artista